Altrevisioni


La stangata. Quarant'anni dall'uscita in Italia: la Commedia che vince la scommessaQuarant'anni fa, precisamente il 21 luglio 1974, usciva nelle sale italiane La stangata (The sting), film diretto da George Roy Hill e interpretato da Paul Newman eRobert Redford, coppia di attori già estremamente affiatata, dopo il successo diButch Cassidy and the Sundance Kid (1969).


Blue Jasmine, il ritorno di Woody!

Con Blue Jasmine il regista newyorkese regala al suo pubblico affezionato e deluso dal precedente e disastroso To Rome with love, un bel film alla Woody Allen: un opera drammatica in cui non manca il sano cinismo e lo humor amaro che caratterizzano da sempre il suo cinema.


Donne sull'orlo di una crisi di nervi. Quando il telefono diventa un feticcio

Donne sull'orlo di una crisi di nervi, film del 1988 scritto e diretto da Pedro Almodóvar e liberamente ispirato da La voce umana di Jean Cocteau, di cui il regista iberico conserva solo la sostanza (una donna innamorata che telefona al suo amante), rielaborando in chiave moderna tutta la trama, è caratterizzato dalla presenza di un protagonista sui generis, un oggetto inanimato ma capace, proprio in virtù del valore di cui è investito, di modificare l'azione dei personaggi e di conseguenza la narrazione.
L'oggetto cardine di tutta la pellicola è il telefono...

Rassegna Altrove Cinema nomade in-Comune. L'intervista...

Grandi festival, rassegne, festival minori, omaggi, cinema all'aperto, mostre e molto altro per omaggiare la settima arte. Al di là dei grandi eventi che destano una grande attenzione mediatica vi sono piccoli eventi quasi artigianali che a loro modo omaggiano il cinema, lo regalano ad un pubblico magari minore ma raggiungono lo stesso obiettivo: far conoscere il cinema, far parlare di cinema, regalare emozioni in pellicola e raccontare l'umanità. Uno di questi è la Rassegna Altrove Cinema nomade in-Comune...

Castelbellino Arte 2013 omaggia Anna Magnani

A quarant'anni dalla sua scomparsa, l'Italia si stringe in un abbraccio simbolico per omaggiare e ricordare una delle più grandi attrici del cinema, Anna Magnani.
Dopo Bologna, che il 3 luglio, nella cornice suggestiva di piazza Maggiore ha presentato la versione restaurata di Roma città aperta di Rossellini, e Nettuno, che il 16 luglio presenterà il libro di Patrizia Carrano, una biografia sull'attrice romana, intitolato La Magnani. Il romanzo di una vita, l'omaggio a Nannarella prosegue a Castelbellino (Ancona).

Altrove, la rassegna cinematografica in movimento tra Mondolfo e Marotta

Il martedì estivo di Mondolfo e Marotta si sposta “Altrove”. Questo il nome della rassegna cinematografica patrocinata dal Comune di Mondolfo che per l'estate 2013 propone quattro appuntamenti in altrettante location, allestite con audio-video installazioni e comode sedute per tutti i partecipanti.

La grande bellezza di Sorrentino. Sotto il chiacchiericcio e il rumore

Su La grande bellezza, ultimo film di Paolo Sorrentino, presentato in concorso al Festival di Cannes 2013, è già stato detto tanto. Il film che aveva già diviso la giuria della Croisette, ha fatto altrettanto tra il pubblico italiano, che si è schierato in due fazioni predominanti: gli indignati e gli entusiasti. 

Il grande Gatsby di Baz Luhrmann. Un pacchiano spot pubblicitario

Se Il grande Gatsby di Jack Clayton (1974) non sarebbe mai potuto essere considerato un capolavoro, con la quarta trasposizione cinematografica del romando di F. Scott FitzgeraldBaz Luhrmann, inconsapevolmente, lo consacra tale.
L'ultimo lavoro del regista australiano, venduto al pubblico come il grande kolossal visionario ed elegante, è in realtà un film grottesco e pacchiano, fino ai limiti del trash. 


L'Amour visto da Haneke

Amour, dodicesima opera del regista austriaco Michael Haneke, e vincitrice dellaPalma d'oro alla 65ª  edizione del Festival di Cannes, è un film sull'amore e sul suo opposto, il male, talmente forte quest'ultimo da mettere a dura prova il primo.
Anne (Emmanuel Riva) e Georges (Jean-Louis Trintignant) sono una coppia di insegnanti di musica, che vivono con serenità la loro vecchiaia, tra letture, concerti e visite di ex allievi e della loro unica figlia Eve (Isabelle Huppert).
L'improvvisa malattia della donna, ed il suo lento declino verso la morte, cambierà però completamente la loro vita.

(...)Nel campo del cinema in particolare, si è sviluppato un vero e proprio genere cinematografico: il cinema tatcheriano, che vede luce negli anni ottanta e si protrae fino alla fine degli anni novanta, e che si concentra sopratutto sui risvolti e sulle conseguenze sociali e politiche delle riforme volute dalla Tatcher.
La figura che ne emerge è molto distante da quella eroica e umana che ci restituisceMeryl Streep interpretando The Iron Lady.


Dà molto dispiacere vedere la vita di un artista come Amedeo Modigliani ricostruita con tanta superficialità e pochissima aderenza alla realtà.Il film di Mick Davis, interpretato dall'attore cubano Andy Garcia, nel ruolo di Modigliani, ripercorre l'ultimo anno di vita del pittore livornese. Il film dovrebbe essere dunque biografico, riportare fatti reali, vicende personali di Modigliani, e permettere di far conoscere al pubblico l'uomo che è stato e l'artista che è stato e continua ad essere. Nei film biografici è cosa accettata e prassi normale introdurre elementi o particolari romanzati, e perfino qualche piccola invenzione, ma nel caso specifico si va ben oltre la "licenza poetica".

Fabriano film festival, prima edizione del festival internazionale del corto

Nasce il Fabriano film festival, dedicato interamente al cortometraggio, organizzato dall'Associazione Opificio delle arti, che si terrà il prossimo 24, 25 e 26 maggio, in concomitanza con la manifestazione Poiesis, patrocinato dal Comune di Fabriano, la Regione Marche, la Provincia di Ancona e la RB Casting.

Hitchcock, il film sul making of di Psycho

Film a cavallo tra il genere drammatico e la biografia, Hitchcock, svela i retroscena del set del film Psycho, mettendo in evidenza il maniacale perfezionismo del cineasta inglese, il rapporto con sua moglie Alma, aneddoti, discussioni sulla sceneggiatura e sul lancio promozionale del film.

Educazione siberiana, è un film asciutto, che non si perde in eccessi di estetismo, né in dialoghi particolarmente retorici e pretenziosi. Nel film sono i fatti a parlare e a renderci partecipi del codice morale dei siberiani, una comunità di criminali che prega Dio, rispetta tutte le creature viventi "eccetto che la polizia, i banchieri, gli usurai. Rubare a queste persone è permesso" dice nonno Kuzya (John Malkovich).


Il nastro bianco (del peccato)

Il nastro bianco, Palma d'oro al 62° Festival di Cannes, narra le vicende di un'isolata e autosufficiente comunità protestante tedesca. A pochi mesi dallo scoppio della prima guerra mondiale, gli abitanti del villaggio sono turbati da alcuni strani eventi che appaiono inspiegabili: il medico della comunità cade da cavallo a causa di una corda tesa tra due alberi, il figlio del barone e della levatrice vengono seviziati, il granaio prende fuoco, un bambino rischia di morire di freddo a causa di una finestra lasciata "accidentalmente" aperta. 

Nessun commento:

Posta un commento